Spillino

Il Rotary è nato dalla constatazione della solitudine dell’uomo. Perciò, si è costruito sull’amicizia.

Essa non nasce  all’improvviso, in modo subitaneo, ma cresce e matura e perciò richiede condizioni  di ambiente propizio, ma anche qualità umane che permettono alla conoscenza reciproca  di diventare trasparenza e intimità, devozione e capacità di dono, senza secondi fini e senza contropartita.  Quando un Club Rotary  procede ad una cooptazione pensa al nuovo socio  come ad un ” uomo disposto al servizio e non ad un fruitore  del distintivo o periodico visitatore di conviviali”. L’espansione quantitativa  deve essere insieme qualitativa.
Il neo socio nel Rotary dovrà trovare un’amicizia  che non si esaurisca in se stessa. Se per un verso essa è un fine, per altro verso è anche mezzo. L’amicizia rotariana è organizzata  ai fini del servizio  dell’uomo, cioè di un altro uomo e di un uomo altro. Di qui, la volontà  di espansione del Rotary in uomini e di espansione in club.

( liberamente ispirato a “ Il Rotary nel pensiero  di F. Weber) 

Giardina M. C.    DSCN5256    DSCN5149

 Immagine 034    Immagine 024    DSCN4245

DSCN4188     DSCN4193     DSCN4198

DSCN4202    DSCN4224     DSCN4183

DSCN4088coop    DSCN3669coop     DSCN3930

DSCN4031coop    DSCN3664biscoop    nicola mogavero

img143coop    img153coop    img169coop

img161coop   DSCN0317coop    img133coop

DSCN0572coop    img189coop