GiraRotary

Maurizio Triscari, oltre che Assistente del Governatore, un Grande rotariano! 

E se una sera…uno stimato Professore, Associato confermato di “Georisorse Minerarie e Applicazioni Mineralogico- Petrografiche per l’Ambiente e i Beni Culturali” c/o la Facoltà di Scienze M.F.N. dell’Università di Messina, è invitato dal Rotary club di Sant’Agata di Militello per tenere una relazione sul tema proposto dal Presidente Fausto Bianco “Il Rotariano nel Club, nel Territorio”? E se i Soci, leggendo la notizia nella lettera mensile, pensassero: “l’ennesima conferenza!!!” e, poi invece, scoprissero che non è come avevano pensato? Tutto questo in realtà  è effettivamente accaduto la sera del primo ottobre presso una riservata saletta del locale “La Cascina”, alla presenza di numerosi Soci del sodalizio Santagatese i quali hanno avuto  la possibilità di trascorrere un inaspettato, interessante e apprezzato momento di formazione quando hanno scoperto che in realtà lo stimato Professore è Maurizio Triscari, il nostro Assistente del Governatore Salvatore Lo Curto. Sorridente, cordiale, ironico ma estremamente puntuale nella proposta di principi rotariani, frutto di una sua pluriennale attiva esperienza sia come Socio del Club di Taormina , suo Club di appartenenza, sia in ambito distrettuale sotto la guida di prestigiosi Governatori. Una grande “alchimia ” di doti etiche e professionali che hanno catturato l’attenzione di un interessato e partecipe uditorio di Rotariani, che forse pur avendo già sentito o letto da qualche parte notizie sul Rotary, non avevano, tuttavia , avuto modo di concepire le riflessioni generatesi in seguito ai concetti ascoltati e letti dalle “slide” proposte da Maurizio. “Il Rotary pensa infatti globalmente ma agisce tenendo conto delle realtà locali. Le regole comuni devono quindi essere chiare, ben comprese e accettate come vincolanti da tutti i Rotariani , su questo concetto inizia la riflessione del “nostro” relatore, che prosegue, ricordando a tutti che nel mese in cui il calendario Rotariano ci invita a riflettere sull’Azione Professionale, non si può non porsi l’interrogativo se “una piccola etica è un’etichetta?” e che ”poche cose sono oggi più necessarie dell’integrità morale nella nostra società globale”.   Il  Rotary Club Serve a questa comunità?  O serve solo ….a Noi?” . Quindi, “ Lo scopo del Rotary è quello di diffondere il valore del servizio, motore e propulsore ideale di ogni attività. Servire e’ un privilegio che va cercato, non un  peso che va evitato” (Dott. Albert Schweitzer, Socio Rotariano ad honorem) . Ecco che allora diventa fondamentale incoraggiare i Soci  a: conoscere i problemi e ad acquisire un’elevata identità territoriale del Club; all’autostima; alla conoscenza delle nuove regole; all’ aggiornamento; alla formazione.
“Essere Rotariani nei fatti significa avere non solo il coraggio e l’orgoglio di dichiararsi Rotariani, ma di esserlo nella realtà di ogni giorno” Dopo tutte queste importanti riflessioni, quindi, come non pensare di “Vivere il Rotary in un mondo che cambia,”  quale “ricerca e mantenimento dell’equilibrio ottimale,  fra garanzia di continuità e gestione del cambiamento?”

100_3735   100_3736   100_3737

100_3740   100_3743   100_3752

100_3753   100_3757   100_3763

100_3768   100_3771   100_3769