DSC_0675

Venerdì 25 NOVEMBRE, alle ore 18.30, presso la Sala Comunale di Piazza Mario Sciacca a Patti, il PDG Salvatore Sarpietro ha incontrato i Rotary Club Sant’Agata di Militello e Patti – Terra del Tindari, per discutere di un’interessante argomento: la Leadership per il Rotary.

Il PDG Sarpietro, in maniera molto chiara e diretta, ha delineato la figura del leader e gli stili di leadership che opportunamente devono essere applicati nell’ambito della vita sociale di ogni Rotary Club.

Il vero leader orienta il gruppo, comprendendone le esigenze.

E’ una guida riconosciuta da tutti in quanto è sempre il primo a “mettersi in gioco”.

Assegna ruoli e responsabilità, riuscendo a coinvolgere tutti con il proprio entusiasmo.

Sa ascoltare le istanze e le esigenze di chi gli sta attorno ed è sempre pronto a fare un passo indietro e rimodulare le proprie strategie qualora non dovessero essere più condivise da tutti.

Non perde mai di vista l’obiettivo finale che intende perseguire.

Condivide le proprie idee e concorda le attività con i propri collaboratori, ponendo in essere una gestione del Club condivisa, efficace ed efficiente, nell’ambito della quale ad ogni socio è assegnato un ruolo ed un’attività da svolgere, affinchè ognuno sia responsabile e parte integrante dell’azione complessiva del Club.

Il PDG Sarpietro ha concluso il suo interessante ed appassionato intervento fornendo molteplici esempi e casi pratici volti a sviluppare la leadership nei Rotary Club.

Attraverso la realizzazione di un programma volto a creare nuovi leader nell’ambito dei singoli Club è possibile stimolare le capacità innate di ogni singolo socio ed essere al contempo elemento di riferimento nella società e nel territorio nel quale il Rotary opera.

Tale azione, sicuramente, contribuirà a stimolare la crescita rotariana di ogni socio, che porrà in essere attività di servizio volte al miglioramento della società contemporanea, e rafforzerà l’affiatamento, attraverso un lavoro di squadra condiviso, che nel tempo avrà esiti positivi sul mantenimento dell’effettivo.